postura torino metodo souchard

TRATTAMENTI EFFETTUATI    METODO SOUCHARD

 

Philippe E. Souchard è stato tra i collaboratori della Mézières. Si basa su una netta distinzione di comportamento e ruolo dei muscoli della statica e dei muscoli della dinamica. Il principio cardine di questa metodica è che i muscoli statici più rimangono accorciati (in contrazione) più diventano retratti e resistenti all'allungamento, mentre quelli dinamici possono essere accorciati (contratti) liberamente e favoriti in questo da un pre-allungamento. Ne deriva che i muscoli statici andranno esercitati in modo eccentrico e quelli dinamici in modo concentrico. Souchard individua prevalentemente due quadri morfologici.

Il primo è detto anteriore; i pazienti appartenenti a questa categoria possono presentare prevalentemente queste caratteristiche: testa in avanti, ipercifosi, iperlordosi, bacino antiverso, femore intraruotato e ginocchia valghe, calcagno e piede valgo.

Il secondo è detto posteriore; i pazienti appartenenti a questa categoria possono presentare prevalentemente queste caratteristiche: nuca corta, dorso piatto, ipolordosi lombare e diaframmatica, bacino retroverso, ginocchia vare, calcagno e piede varo.

Da questi due principali quadri morfologici derivano i due principali gruppi di posture:

- Posture con l'apertura dell'angolo coxo-femorale per agire sulla catena anteriore.

- Posture con chiusura dell'angolo coxo-femorale per agire sulla catena posteriore

 posturatorino metodo souchard


  © 2015 www.posturatorino.it | privacy - note legali | cookie policy